Venicexplorer
Meteo Venezia Tuesday 02:33 AM
temperatura: °c
umidita: %
Copertura di nuvole: %

Pera al Forno e Biscotti Tavern (El Peruz e i Biscoti da Ostaria)

Contributore: Nono Gigio


Baked Pear and Tavern Biscuits

Veneto-Alpago di Dolci (Dol'i venetopagoti)

Antenati Venezia è venuto a Venezia secoli fa, portando il legno dalla Alpago in zattere lungo il fiume Piave. Avevano a che fare tronchi di un bosco ceduo di loro proprietà a Carpineto, un villaggio nella circumdary di Chies, prima che gli italiani venne requisita il legno per diventare proprietà dello Stato. Bella gente!

Alcuni degli antenati sono rimasti a lavorare in Arsenal, due dei quali aperto un squero, o un edificio cantiere in rio terà del Rosario nell'area Salute. Altri posti di lavoro ha iniziato come un fornaio o di un pasticciere.

Ecco i modi per cucinare il Pevarini e Storti nel modo antico:

EL Peruz

La varietà Cannelline o rugginosità, le pere con la buccia marrone ruggine particolare, di medie dimensioni è necessario. Hanno solo bisogno di essere protetti dalla polvere e non lavati! Un tempo era consumato su un pezzo di carta oleata che viene leccato dopo la pera è andato, stando in piedi.

Mettere lo zucchero in una teglia alta, sufficiente per la quantità di pere, e 1 o 2 bicchieri di acqua con un pizzico di sale. Avvolgere con una garza due chiodi di garofano e un frammento di cannella, e metterle nella pentola con le pere al fuoco. Coprire la teglia con un coperchio o carta oleata.
E 'cotta quando le pere cominciano a rughe.

I PEVARINI

Prima, la melassa è stato utilizzato, ma dal momento che è abbastanza difficile da trovare oggi, zucchero sarà utilizzato in sostituzione.

Ingredienti:

1 chilo di melassa o di zucchero
100 g strutto raffinato
un paio bel cucchiaio pepe bianco macinato
3 carbonato di ammonio (che si trova in farmacia), o lievito di birra utilizzato in cottura
farina di frumento (abbastanza per fare una pasta morbida con gli ingredienti interi)

Metodo:

Tagliare la pasta nel formato desiderato e cookie di appiattire il lato biscotti a lato su un foglio di carta unta di burro, e poi cuocere in forno a calore moderato. Appena fuori dal forno, spennellare i loro piani con acqua zuccherata.

I STORTI

Simile al precedente, ma le spezie e noci, come chiodi di garofano, noce moscata, cannella, mandorle grossolanamente macinati, noci e pinoli, sono in dosi più elevate. L'impasto in questo caso, deve stare per almeno 24 ore prima della cottura dei biscotti. Un buon compromesso per utilizzare in sostituzione di melassa e zucchero può essere un mezzo di zucchero sciolto in acqua e miele mezzo.

Per rimuovere il calore dalla bocca dopo aver mangiato questo cookie, è consigliabile di mordere qualche mela fresca.

I ZALETI

Ingredienti:

125 g farina di mais gialla
125 g di farina di frumento
100 g di burro
75 g di zucchero
2 pezzi uova
50 g di uvetta sultanina inumidito per un paio d'ore in un bicchierino di grappa (o di altri liquori aromatici)
buccia grattugiata di 1 limone pc
pizzico di vaniglia
latte, se necessario
pizzico di sale.

Metodo:

Mescolare a parte il mais e il grano. Montate le uova e lo zucchero poi aggiungere il sale, uvetta su una tela, e tutti gli altri ingredienti. Impastare bene e continuare a lavorare la pasta per cinque minuti. Se necessario aggiungete un sorso di latte.

Forma l'impasto in panetti e disporli su una carta unta di burro. Mettere in forno a 180 ° per circa 15 minuti. Lasciate che defaticamento e spolverare con abbondante zucchero a velo.

Versione Originale in Veneziano:

Dolçi Venetopagoti

I me antenati i xe vegnui a Venexia secoli fa portando zo da l’Alpago el legname del boschetto che i gaveva a Carpineto, in comune de Chies, co le zatare par la Piave. (co xe riva i ‘taliani i ‘na roba el bosco parche i lo ga demaniliza barva zente!).

Serti i se ga ferma andando a lavorar in Arsenal, do i se ga verto un squero da barche a la Salute, in rio tera del rosario, e antri i se ga metuo a far i forneri o i scaleteri.
Ma mi vojo parlar de sti ultimi, che xe la me assendensa diretta: ne nono fava el forner a la Zuecca e me pare el scaleter a Rialto, me zarmani, invessi, uno a la toleta e stantro a s.Zuane Grisostomo.

Deto questo, ve vojo insegnar a far i PEVARINI come che se usava ‘na volta e i ZALETI e el PERUZ.

Par chi che no lo savesse, i veci Pagoti che zirava par le ostaria a vendar Forti, pavarini, zaleti e el peruz i jera me parenti… e i se ga fato un saco de case col peruz e co i storti…bonta lora)

Alora par far i PEVARINI e i STORTI, che squasi xe la stessa roba, se fa cussi:

I PEVARINI

Lori i doparava la melassa, ma siccome no se la trova piu, se la sostituisse col zucaro, anca se no xe proprio la stessa roba…

Donca: un chilo de melassa, o de zucaro, e un eto de struto raffina, un per de bei scujeroni de pevare buanco masena fin e 3 scujeroni de carbonato de ammonio (se lo tiol dal spezial, o farmacista), o si no del lievito de bira: ma quelo del forner.

La farina che ocore par impastar tuto. La pasta la ga da risultar bea morbida. Se la riduse a la misura che se vol e la se piatisse, se sistema i pevarini su �na carta imbutirada e se li mete in forno a calor modera.

Apena che se li cava fora, se li spesela co aqua e zucaro.

I STORTI

Come sora, ma se ghe zonta anca broche de garofano, nose moscata, canela, mandole, nose e pignoli tritai, ma se li lassa a riposar par almanco 24 ore. Volendo far un impasto mejo, al posto de la melassa se pol usar meta zucaro descola n l’aqua e meta miel.

Par chi che ga el palato delicato e no tiene l picante, dopo magnai el pol tior un spigolo de pomo…

I ZALETI

Ghe vol 125 grami de farina de polenta zala e 125 de farina de fior, 1 eto de butirro, 75 grami de zucaro, do vovi, mezo eto de uveta sultanina fata rinvegnier in un bicerin de senapa, la scorza de un limon gratada, u spissego de vaniglia, late quanto che ghe ne ocore e un spissego de sal.

A parte ti smissi le do farine.
Ti sbati i vovi col zucaro, ti ghe meti el sal, l’uveta sugada su ‘na canevassa, e tuto el resto.
Ti impasti ben tuto e ti lo lavori par 5 minuti. Se ocore ti ghe zonti ‘na scianta de late.

Ti fa de le pagnochele de la misura che ti vol e ti le meti su ‘na carta imbutirada e ti li meti in forno a 180 gradi par 15 minuti o par quelo che serve, data la misura che ti ghe ga da.
Co ti li ga cavai ti lassi che i se intiepidissa e dopo ti ghe da ‘na bea spolverada de zucaro a velo.

EL PERUZ

Ghe vol i pereti canelini, quei co la scorsa rusene e che no i sia tanto grandi. Se li spolvera: no se li lava!

Su ‘na tecia alta ti ghe meti su caro quanto che el te ocore par la quantita dei peri, e un goto o do de aqua, un spissegheto de sal e su un tocheto de garza ti ghe meti do broche de garofano e un tocheto de canela in cana, ti meti dentro i peri e ti coversi co el covercio o co ‘na carta oleata.

Co i peruz i scominsia a far le grespe, alora i se coti.

‘na volta se li magnava su un toco de carta oleata e in pie…e dopo ti licavi anca la carta… El Barba del peruz el zirava co sta bea caldiera de rame lustra co fa un specio… e co un steco de betulla el te impirava sto peruz… che el te bagnava el barbusso…

related pages

Festa della Salute 1

Festa della Salute

Ogni 21 novembre a Venezia, la Madonna del Festival della Salute, o la festa della Madonna della Salute si celebra a Venezia. Tra festival Veneitian tanti,…
#3:  Venice Academy Gallery Museum of Art/Gallerie dell’Accademia di Venezia [translations pending] 1

#3: Venice Academy Gallery Museum of Art/Gallerie dell’Accademia di Venezia [translations pending]

Also known as the Gallerie dell’Accademia di Venezia, the Academy Gallery Museum of Art is Venice’s premiere art museum! This monumental art gallery…
Ponte di Calatrava 1

Ponte di Calatrava

Conosciuto anche come il Ponte della Constituzione, il nome scelto per onorare il 60 ° anniversario della Costituzione italiana nel 2008, il nuovo ponte…

Cerca hotel a Venezia

delle camere
Room 1
adulti
Children

danas u povijesti

Ordinato che nessun privato possa immagazzinare la cana­pa, tanto necessaria agli usi della Marina…

Eventi