Venicexplorer

Aséo (Calle e Ponte dell')

ai SS. Ermagora e Fortunato. Da un'antica fabbrica d'aceto che qui esisteva nei secoli XV e XVI. N'era forse uno dei padroni quel «M.r Anzolo da l'aseo» che, giusta i Necrologi Sanitari, morì per ferite in parrocchia dei SS. Ermagora e Fortunato «adì 13 Zener 1587».
Del «Ponte dell'Aseo» fa cenno Marin Sanudo ne' suoi «Diarii», sotto la data 28 luglio 1499, con le seguenti parole: «E' da saper eri fo ritenuto per il Consejo dei X uno citadin vechio e richo nominato Pasqualin Milani, qual teneva una botega de ojo, et una di tele, et fo per sodomia con un Vincenzo Sabatin, et fo trovato in casa di una meretrice al ponte dil Axeo...»

Nota il Gallicciolli un gran incendio sviluppatosi íl 3 agosto 1725 al ponte medesimo.

Anche a S. Giovanni Grisostomo vi sono delle località pel medesimo motivo così appellate.

Quanto alla «Calle» ed alla «Corte dell'Aseo» a S. Margarita, sembra ch'esse invece abbiano preso il nome da una famiglia Aseo. Infatti la Descrizione della Contrada di S. Margherita pel 1740 dimostra che colà domiciliava «Antonio Aseo» in una casa, presa a pigione nel 1715, delle monache della Celestia. E l'Anagrafi dei Provveditori alla Sanità per l'anno 1761 annovera tra i parrocchiani di S. Margarita un «Isepo Aseo bollador». Nella stessa parrocchia morì il 17 luglio 1775 «Caterina q. Zuane Aseo» d'anni 70.
]