Venicexplorer

Battocchio (Sottoportico e Corte del)

ai Tolentini. Emerge dalle Condizioni del 1514, che in parrocchia di S. Croce, a cui queste strade erano soggette, abitava un «Zuane Batocchio drappier fo del m. Giacomo». Di lui forse tocca il Sanudo nei «Diarii» colle seguenti parole: «In questo zorno (22 maggio 1515) a vesporo, a li Sora Consoli, hessendo in lite Zuan Batocchio Masser alla Camera d'imprestidi con uno suo cugnado, nominato Pietro Bonavita, et altercandosi di parole, el dito Piero dette di uno fuseto al prefato Zuan Batochio, e poi altre ferite, ita che statim morite. El qual Zuane Batochio era drapier richo, et tuto di caxa dil Ser.mo Principe nostro, qual lo fece Cap.o di le Preson. E lui messe dito suo cugnado e poi fu casso».
Altre famiglie Battocchio, o Battochio, abbiamo avuto in Venezia.
]