Venicexplorer
Venice weather Friday 06:20 PM
Temperature: °c
Humidity: %
Cloud Cover: %

AMARCORD / LA LEZIONE DEL “MONDO”

1 March 2010 0 Comments ENZO
AMARCORD / LA LEZIONE DEL “MONDO”
“Il Mondo”(1949-1966), il periodico diretto e fondato da Mario Pannunzio, fu per molti della mia generazione , non solo un prezioso e prestigioso organo di informazione scritto dal fior fiore degli intellettuali del tempo, italiani e non, ma anche una vera e propria scuola di un modo affatto nuovo, almeno per il nostro Paese, di fare giornalismo tramite la fotografia: chè i fotografi che vi collaboravano - dal mitico Cartier-Bresson, fondatore, insieme a Robert Capa e a David Seymour, della famosa Agenzia Magnum, a fotografi del calibro di Federico Patellani, Enzo Sellerio e altri - costituivano il meglio di ciò che altrove era stato definito, già da tempo, come “fotogiornalismo”. Va senz'altro ascritto al “Mondo” a quest'ultimo proposito, per esempio, se anche nel nostro Paese incominciò a farsi finalmente strada l'opinione secondo cui, accanto al fotografo che toccato, per così dire, dall’aura del genio era solito produrre di volta in volta una fotografia invariabilmente bella, ispirata e a se stante, c'era anche il fotografo che, molto più modestamente e prosaicamente, era solito invece produrre più fotografie correlate le une con le altre e in cui la maggior attenzione era posta in genere più al contenuto che alla bellezza formale, al fine di documentare, così facendo, un determinato tema o problema quanto più esaurientemente possibile: svolgendo, con altri mezzi, una funzione affatto analoga a quella del giornalista. E non fu certamente un caso se, dopo il successo del “Mondo”, dovuto soprattutto alla finissima sensibilità fotografica e giornalistica del suo fondatore e direttore, il fare informazione per immagini, preoccupandosi soprattutto di documentare e informare, anziché ricercare a ogni costo la fotografia “bella e ispirata”, attecchì diffusamente nella stampa periodica italiana e precipuamente in rotocalchi quali “L’Espresso”, “Epoca” etc., notoriamente improntati per lo più a tale modo di fare giornalismo, che in seguito a ciò, e a dispetto di taluni anacronistici soloni del giornalismo nostrano, incominciò ad acquistare anche nel nostro Paese la dignità e la considerazione di cui già godeva da tempo in altri Paesi, fra cui, in primo luogo, gli Stati Uniti.

VeneziaLog

Sul comportamento del Cittadino repubblicano ai Seggi Elettorali per la verbalizzazione di una protesta

Umberto Sartori 0

Sul comportamento del Cittadino repubblicano ai Seggi Elettorali per la verbalizzazione di una protesta.

Una vecchia canzone di mestiere, ritrovata da Luigi “Gigio” Zanon.

Umberto Sartori 0

LA CANZONE DEL FABBRO FERRAIO …”Curva la fronte – le braccia nude, desto coi primi – raggi del…

Voragine in Fondamenta Parisi

elbaso 0

Voragine di oltre quattro metri in Fondamenta Parisi , a piazzale Roma , all’altezza della cosiddetta…

Il raddoppio dell’hotel Santa Chiara

elbaso 0

Mi ricordo quando arrivavo con l’autobus in Piazzale Roma la prima cosa che vedevo era il Canal Grande…

Stuccature in Fondamenta della Misericordia

Umberto Sartori 0

Reportage di Andrea Baso

Stuccature al Ponte di Rialto

Umberto Sartori 0

Reportage di Andrea Baso

Sant’Andrea de la Zirada, Luglio 2012

Umberto Sartori 0

All’esterno questa chiesa si mostra ben conservata, rispetto a molte altre in Venezia, ma all’interno…

Aggiornamento sui danni da erosione idraulica agli edifici di Venezia

Umberto Sartori 0

Rio di San Polo, Sant’Agostin e San Stin, Luglio 2012 Il rio di San Polo è chiuso per minaccia di…

E quando Venezia sarà completamente sgretolata ?

elbaso 0

E poi quando Venezia si sarà completamente sgretolata a causa dei fumi delle navi ? Stop alle navi in…

Vogliono dare la colpa dei crolli al terremoto

elbaso 0

http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=200269&sez=NORDEST#IDX Il terremoto non ha fatto altro che evidenziare…