Chiesa di Santo Stefano

Verified
S. Marco, 3471C, Venice 30124

La Chiesa di Santo Stefano è una delle chiese più interessanti di Venezia. È una chiesa cattolica romana e la terza chiesa monastica più grande della città. La Chiesa di Santo Stefano (in inglese) ha una caratteristica unica. Grazie alla sua posizione sulla mappa di Venezia, le barche possono passare sotto la parte dell'edificio. Situata in Campo Santo Stefano, nel sestiere di San Marco, non sarà difficile trovarla. 

Storia, architettura e design

Dall'esterno, la Chiesa di Santo Stefano appare piuttosto semplice per la sua facciata interamente in mattoni. Tuttavia, all'interno è un autentico capolavoro architettonico con un'impressionante collezione d'arte rinascimentale. 

La chiesa fu fondata nel XIII secolo dai monaci di Sant'Agostino. Nel 14° e 15° secolo vennero effettuate delle ricostruzioni. È così che sono apparsi il bellissimo portale gotico e il tetto a forma di chiglia di nave. Il tetto è opera di costruttori navali veneziani. Hanno costruito il soffitto che ricorda l'arca di Noè. Il portale gotico in marmo, costruito nel 1442, è opera di Bartolomeo Bono. 

Anche l'interno della chiesa è gotico, con tre absidi e un grande rosone centrale. Esso lascia entrare molta luce, rendendo la chiesa molto luminosa all'interno e mettendone in risalto la bellezza. Dall'esterno si può notare il campanile pendente, un'altra caratteristica insolita della Chiesa di Santo Stefano. 

L'arte e i tesori all'interno della chiesa

Nella Chiesa di Santo Stefano si trovano opere d'arte di famosi pittori veneziani come Paolo Veneziano o Bartolomeo Vivarini. Ma la chiesa è nota soprattutto per gli impressionanti dipinti del Tintoretto. Si tratta dell'Ultima Cena, della Resurrezione, di Cristo che lava i piedi ai discepoli e della Preghiera nell'orto. 

Qui si trova anche la Stele funeraria del Senatore Giovanni Falier di Antonio Canova. Un altro reperto è il Battesimo di Gesù di Pomponio Amalteo. Per quanto riguarda le reliquie, la chiesa ospita la lapide del Doge Morosini.