Museo Archeologico

Ecco un altro grande museo situato proprio in Piazza San Marco a Venezia. Il Museo Archeologico Nazionale, noto ai Veneziani come Museo Archeologico Nazionale, ebbe origine nel 1523. Il Museo Archeologico Nazionale ospita notevoli collezioni di epoca romana e greca del V e VI secolo nonché pietre antiche, ceramiche e monete risalenti al I secolo a.C. Qui sono ospitate anche alcune delle collezioni archeologiche del Museo Correr.

Altri oggetti antiquati che i visitatori incontreranno nel Museo Archeologico Nazionale di Venezia includono eleganti vasi, impeccabili avori, ritratti di imperatori romani di lunga data, marmi e busti, gemme e gioielli. L'era neolitica si anima qui così come numerose preziose reliquie di origini assiro-babilonesi, greche, toscane, romane ed egiziane. I visitatori potranno assaporare altri punti salienti come la collezione armeno-veneziana, testi legali risalenti al 17 ° secolo e dizionari bilingui.

Nel corso dei secoli i ricchi veneziani hanno contribuito con preziosi manufatti al museo archeologico nazionale di proprietà pubblica. Il museo fu voluto dalla città dal cardinale Domenico Grimani nel 1630. Un cast famigerato di quello che si pensava fosse Grimani Vitellio, un imperatore del II secolo a.C., fu donato al cardinale nel 1523.

Il busto è ora esposto al Museo Archeologico di Venezia, ma gli storici dell'arte credono che non sia proprio quello di Vitellio. Piuttosto, hanno ipotizzato che il busto rappresenti un alto ufficiale risalente al 117 d.C. durante il regno dell'imperatore romano Adriano. Ciononostante, i disegni della tardiva, grande scuola d'arte rinascimentale di Tintoretto supportano l'idea che Tintoretto e i suoi apprendisti studenti hanno trovato il busto come uno dei preferiti in cui praticare i loro schizzi impressionanti.

Come arrivare: accedi a questo fantastico museo direttamente di fronte al Palazzo Ducale (Palazzo Ducale) in Piazza San Marco tramite la Vecchia Biblioteca.