Santa Maria della Salute

La Basilica di Santa Maria della Salute o semplicemente Chiesa della Salute  fu costruita nel 1630 sulla Punta della Dogana. Fu consacrata nel 21 novembre 1687. L'edificio fu completato in circa vent'anni e divenne un modello esemplare di architettura barocca che venne imitato in tutta Europa.  La chiesa fu costruita per ringraziare la Vergine Maria per aver posto fine a un'epidemia di peste. Fu una delle epidemie più gravi che decimò la popolazione veneziana.

La massiccia chiesa in marmo bianco, dell'architetto Baldassare Longhena, domina l'ingresso al Canal Grande, le sue alte cupole imitano quelle di San Marco. L'architetto volle ringraziare la Madonna e costruì la chiesa rimandando le apparenze della facciata esterna alla corona della vergine Maria. La struttura della chiesa e` ottagonale e poggia su essa una grande cupola a semicerchio. Ad abbellire la struttura ci sono sei cupole minori. Sembra che la struttura ottagonale sia un ulteriore richiamo alla Vergine Maria come Ave Maria Stella o la stella guida dei naviganti. Qui il Loghena vuole ancor di più rinsaldare il rapporto fra Venezia, il Mare e la Vergine Maria. All’interno troverai una ampia collezione fra cui opere di Tintoretto e Tiziano. La Vergine è onorata anche sull'altare maggiore con un'icona bizantina e un gruppo scultoreo in marmo.

 Il 21 novembre è la festa della Salute, quando i veneziani vengono a ringraziare e pregare per la propria salute. In questo giorno, la Chiesa mostra tesori custoditi il resto dell'anno. Su ogni altare laterale sono esposti paliotti dorati, alcuni decorati con centinaia di pietre preziose e gioielli. Inoltre viene esposta la Madonna Nicopeia, l'icona più importante di Venezia, che si dice sia stata dipinta da San Luca. Una settimana prima della festa viene costruito un ponte di barche sul Canal Grande per accedere alla chiesa.  Il 21 novembre  cittadini attraversano il ponte di barche  per assistere alla messa, accendere candele e incontrare gli amici. Questa processione parte da San Marco ed arriva alla Chiesa della Salute, guidata dall’Arcivescovo di Venezia.